Città di Chiusi vs Firenze C5 C2M

vs

Riepilogo

Il Firenze C5 torna a casa dalla trasferta di Chiusi con tre punti che, soprattutto dopo i risultati del venerdì sera, sono fondamentali ovviamente per la classifica ma anche per come sono arrivati, per la grande prova di carattere e maturità offerta in questo sabato di campionato.
Partono bene i biancorossi che prendono da subito in mano le redini del gioco, nonostante il pressing portato dagli avversari fin da inizio gara, e parte bene anche l’esordiente Matteo Buti, classe 2000, che all’11° interviene splendidamente su un tiro potente dalla distanza. La prima conclusione veramente pericolosa per gli ospiti arriva invece al 13° con Alaia bravo a controllare, liberarsi al tiro e guadagnare un angolo. Va ancora più vicino al gol Camarlinghi otto minuti più tardi con la bomba da destra che si infrange sulla traversa e sul montante prima di uscire sul fondo. Ancora Camarlinghi, al 22°, si rende protagonista di un’azione da ricordare ma il suo tiro in corsa su una delle tante ripartenze del Firenze non porta che ad un corner. A sbloccare il risultato ci pensa quindi Giorgio Alaia ad uno dall’intervallo con una punizione potente e calciata rasoterra che sorprende Feri. Nel recupero ci sarebbe un’opportunità anche per Barbosa che, lanciato dalle retrovie proprio da Alaia, calcia però a lato.
La cronaca della ripresa, così come quella del primo tempo, si apre con un intervento di Buti, in uscita su Basili, che ha però il solo risultato di rimandare il pareggio della squadra di casa che arriva al 5° con Gremita sull’angolo conseguente alla parata del giovane portiere del Firenze. La gioia per il Città di Chiusi è comunque del tutto effimera dato che già al 6° il rasoterra diagonale dalla sinistra di Lorenzo Leone vale il nuovo e definitivo vantaggio per gli ospiti. I padroni di casa cercheranno infatti il pareggio per tutti i rimanenti minuti ma senza esito. Al 7° il Firenze si salva con un po’ di fortuna visto il palo colpito da Tiezzi, mentre all’8° è l’altra porta in pericolo quando Feri vola plasticamente sulla bomba da sinistra di Lorenzo Leone dopo il dribbling da metà campo in avanti ed il tiro in corsa. Passano altri sette minuti e lo schema da fallo laterale tra Mannazzu e Lucchi vale il corner dopo il non facile intervento ancora di Feri. La partita, maschia ma corretta, prosegue a ritmi non eccessivi e con il Firenze che si difende con ordine cercando di colpire in ripartenza. Al 18° altra traversa centrata, stavolta da Lucchi dalla tre quarti campo, mentre al 20° Buti salva di piede su Tiezzi, operazione replicata anche al 24° quando il numero sei del Città di Chiusi lo impegna su calcio di punizione da una decina di metri sulla sinistra. L’assedio dei ragazzi in maglia nera prosegue ed il Firenze trema anche per via della quota cinque falli raggiunta ormai da tempo, ma da qui al triplice fischio non si registrerannno altre occasionissime per i locali che, invece, rischiano il colpo del ko al 30° ancora con Lorenzo Leone, che colpisce il palo da destra, poco prima di un tiro di Spadea che fa volare il pallone appena sopra la traversa. Gli episodi da cronaca terminano qui; la partita invece proseguirà per altri due interminabili minuti di recupero con la gioia incontenibile di Grisolini e dei suoi ragazzi al fischio finale per un successo che permette al Firenze di prendersi il secondo posto solitario rimanendo ad un solo punto dalla capolista Crete nonostante un avversario che, a dispetto della classifica, si sapeva essere ostico e nonostante anche le tante assenze patite in questa gara. [MG]

Falli primo tempo: Chiusi 2 Firenze 4 – recupero primo tempo 2′

Falli secondo tempo: Chiusi 4 Firenze 5 – recupero secondo tempo 2′

Video

Luogo

Palasport Chiusi Scalo
Via Talamone, 19, 53043 Località La Collina SI, Italia